Slide 1 Slide 2 Slide 3 Slide 4 Slide 5 Slide 6 Slide 7 Slide 8
L’olivo e l’olio sono legati all’uomo da oltre 7000 anni, si trovano citati anche nella Bibbia e nel Corano.

La Pianta è originaria del Mediterraneo Orientale, le tracce più antiche sono state trovate ad Haifa in Israele e risalgono al V secolo a.C; la sua diffusione si deve però ai Greci che la portarono in tutti i territori della “Magna Grecia” e quindi anche in Italia dove fu conosciuta ed apprezzata dai Romani che la esportarono a loro volta in Francia ed in Spagna.

LE TECNICHE per la produzione di olio furono messe a punto prima dai GRECI e poi dai ROMANI e sono rimaste invariate per secoli.
L’utilizzo dell’olio sin dall’antichità è stato sempre molto vario, il ruolo più importante lo riveste nella
alimentazione, ma da sempre è utilizzato nei cosmetici, come medicamento, come combustibile, nei riti religiosi.

Le scienze e la tecnologia hanno messo a punto macchine sempre più sofisticate per l’estrazione a freddo dell’olio, i produttori hanno imparato a raccogliere, stoccare e molire, nei tempi e nei modi giusti in modo da ottenere un buon olio in tutto il bacino del Mediterraneo.

Troviamo oli di qualità in Spagna, in Italia, in Grecia ed in Tunisia, possiamo attingere su grandi quantità in modo da far conoscere al resto del mondo dove fino a 30 anni fa non si sapeva neppure cos’era un condimento salubre e vario, che si adatta ad ogni palato.